eat_educational_orizzontale

 

Progetto E.A.T. – Alimentazione sostenibile

 

Perché?

Per la prima volta nella storia, l’aspettativa di vita della generazione degli adolescenti è inferiore a quella precedente. Un’inversione di tendenza imputabile a diabete, obesità e sovrappeso, ovvero patologie dovute principalmente a comportamenti e stili di vita non corretti, che si instaurano già dall’infanzia. In particolare, eccessivo consumo di alimenti ipercalorici e poveri da un punto di vista nutrizionale, associati a una ridotta attività fisica.

Un progetto Innovativo

Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation in collaborazione con I.R.C.C.S. Policlinico San Donato hanno ideato e realizzato EAT (Educazione Alimentare Teenager), un progetto di ricerca per promuovere la salute prevenendo obesità e sovrappeso tra gli adolescenti delle scuole secondarie dell’hinterland milanese. Fino ad oggi sono state coinvolte 7 scuole e oltre 1.400 adolescenti, con un’età media di 13.2 anni.

Obiettivi futuri

Dati i risultati positivi (-2,4% di obesi ; – 7,9 di adolescenti in sovrappeso; + 10,4% di normopeso) l’obiettivo della Fondazione è di estendere il progetto ad altre scuole, al fine di ampliare il raggio della prevenzione di obesità e sovrappeso, che nel tempo portano a sviluppare malattie cronico degenerative.

I risultati

E.A.T. si è dimostrato efficace nell’indurre cambiamenti positivi nelle abitudini alimentari e negli aspetti comportamentali. La modificazione dello stile di vita si è tradotta in una significativa riduzione della percentuale di ragazzi affetti da obesità (dal 9.2% al 6,8%) e sovrappeso (dal 25,5% al 17,6%), e un importante incremento dei normopeso (da 65,2% a 75,6%).

I risultati sono riferibili al biennio 2009-11, ma sono stati registrati risultati analoghi per quattro bienni scolastici consecutivi.

 

Approfondimenti

Il problema

L’obesità e il sovrappeso rappresentano un problema sempre più grave, che riguarda adulti e bambini. Secondo la World Health Organization, il 44% della popolazione adulta italiana ne è interessata, con il 9,8% di persone obese e il 34% in sovrappeso. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, il 22,9 dei bambini è in sovrappeso e l’11,1% obeso. Obesità e sovrappeso sono da attribuire a comportamenti e stili di vita che si instaurano sin dalla infanzia: eccessivo consumo di alimenti ipercalorici e poveri dal punto di vista nutrizionale poveri e una ridotta attività fisica.

 

Le scuole coinvolte nel progetto E.A.T.

  1. San Donato Milanese – Istituto Comprensivo Statale di via Croce Rossa Scuola secondaria di I grado Galileo Galilei, 2014, 2015 e 2016;
  2. San Donato Milanese – Istituto comprensivi statale di via libertà scuola secondaria di I grado Alcide DeGasperi, 2014, 2015 e 2016;
  3. San Donato Milanese – Scuola Maria Ausiliatrice, 2014, 2015 e 2016;
  4. San Giuliano –Istituto Comprensivo statale Montessori Scuola secondaria di I grado Lorenzo Milani, 2014, 2015 e 2016;
  5. Melegnano – Istituto Comprensivo Statale Paolo Frisi –scuola secondaria di I grado Paolo Frisi, 2016;
  6. Melegnano – Istituto Comprensivo Statale Giuseppe Dezza – Scuola secondaria di I grado “I. Calvino”, 2016;
  7. Segrate: Complesso Albert Bruce Sabin (Milano 2 e Redecesio), 2016;
  8. Complesso Shweitzer Leopardi (Segrate Centro), 2016;
  9. Complesso Rosanna Galbusera (San Felice e Novegro), 2016;
  10. Rho istituto comprensivo De Andrè Scuola secondaria di I grado “Bonecchi”, 2016;
  11. Liceo classico di Ricerca San Raffaele, 2016;

Il Programma

L’intervento consiste in un programma multidisciplinare che comprende un’insieme di azioni sinergiche volte a modificare le abitudini alimentari e le attitudini al movimento di giovani e adolescenti. In particolare:

  • Lezioni in classe con medici nutrizionisti;
  • Libri di testo di educazione alimentare;
  • Fornitura di contapassi per il monitoraggio dell’attività fisica quotidiana;
  • Invio di SMS come rinforzo educativo agli adolescenti e ai loro genitori;
  • Fornitura alle scuole di distributori automatici contenenti snack di qualità selezionati da medici nutrizionisti;
  • Materiali informativi ed educativi “Il piatto in-forma”;